controllo-umidità-periodo-invernale

Il controllo dell'umidità nelle abitazioni nel periodo invernale

Durante i mesi invernali, quando è acceso il riscaldamento nelle case, l’umidità dell’aria ambiente può scendere al di sotto del 40%. In queste condizioni, l’aria sottrae umidità a qualsiasi fonte a disposizione, al nostro corpo, a materiali quali pellami e tessuti, agli animali domestici e perfino ai materiali dei nostri arredi per interni. Di conseguenza, non solo abbiamo la sensazione di essere disidratati, ma possono nascere anche pericolosi rischi per la salute.

Malattie – La trasmissione di virus attraverso l’aria, quali ad esempio l’influenza, viene notevolmente limitata non appena l’umidità relativa dell’aria è superiore al 40%. Anche la mucosa all’interno del naso e della gola forma una barriera naturale dell’organismo contro le sostanze inquinanti presenti nell’aria. Se le mucose si seccano, il nostro sistema immunitario si indebolisce.
Cute e capelli – In un ambiente contenente aria secca la nostra pelle ha una maggiore tendenza a screpolarsi (soprattutto la pelle delle mani). Inoltre i capelli possono spezzarsi e perdere luminosità.
Legno – Pavimenti, mobili e altri oggetti in legno, in un’atmosfera secca, possono incurvarsi e quindi spaccarsi.
Polvere – L’umidità lega le particelle di sporco e ne favorisce la precipitazione. Quando l’aria è secca, sono presenti maggiori impurità nell’aria.
Animali domestici – Cani e gatti hanno problemi con l’aria secca esattamente come l’uomo, ma gli animali domestici provenienti da paesi con clima tropicale (ad esempio i pappagalli) possono perfino ammalarsi gravemente in tali condizioni.

COSA BISOGNA SAPERE RIGUARDO ALL’UMIDITÀ PRESENTE NELLE CASE

Finestre – Aprire le finestre non è una soluzione e non aiuta, poiché l’aria fredda proveniente dall’esterno contiene poca umidità. Se in casa entra aria fredda e questa viene riscaldata, l’umidità relativa scende a livelli molto bassi.
Umidità ottimale – Il livello ideale di umidità dell’aria per la salute e il benessere personale deve compreso tra 40 e 60%.
Misurare l’umidità – È possibile misurare l’umidità presente in ambiente grazie all’utilizzo di un igrometro. Un regolatore dell’umidità atmosferica controlla un umidificatore (o deumidificatore d’aria) esattamente come un termostato regola un impianto di riscaldamento o di climatizzazione.
Aria secca – Se si respira aria troppo secca, il corpo ha maggiore difficoltà a immettere ossigeno e a trasmetterlo di conseguenza al sistema circolatorio. Stanchezza e ridotta capacità di concentrazione sono sintomi di basso apporto di ossigeno nel corpo.

I NS. UMIDIFICATORI RESIDENZIALI

HUMI 200 umidificatore civile ad ultrasuoni

HUMI 200

ML/h: 200

HUMI ION 300 umidificatore a ultrasuoni

HUMI ION 300

ML/h: 300

HUMI SPA 400 umidificatore a ultrasuoni

HUMI SPA 400

ML/h: 400

HYDRO-1200

L/24h: 7,5

HYDRO-2500 umidificatore evaporazione naturale

HYDRO-2500

L/24h: 14

HYDRO-2800 umidificatore evaporazione naturale

HYDRO-2800

L/24h: 15