TECNOKLIMA SRL

RAFFRESCATORI EVAPORATIVI VS CLIMATIZZATORI

Quello del caldo afoso è un problema ricorrente per tutti quegli ambienti industriali e produttivi dove risulta impossibile o economicamente poco vantaggioso installare un impianto di condizionamento tradizionale. Soprattutto nella stagione più calda infatti, l’elevata temperatura che viene a crearsi negli ambienti di lavoro crea un microclima insopportabile sia per i macchinari che per gli operatori, influenzando in maniera negativa la produttività e la sicurezza sul lavoro. I tradizionali impianti di condizionamento sono poco adattii per trattare grandi volumi d’aria, per l’impossibilità di tenere porte e finestre chiuse, ma anche per i costi elevati di installazione, funzionamento, esercizio e gestione. I condizionatori e i climatizzatori classici utilizzano, inoltre, gas refrigeranti tossici per l’atmosfera, oltre ad essere altamente energivori e dispendiosi.

RAFFRESCATORI EVAPORATIVI

  • Immette aria esterna e ricambia d’aria degli ambienti fino a 25 volte in un’ora, arricchendola di ossigeno.
  • Può funzionare con porte e finestre aperte, e può essere utilizzato anche all’esterno.
  • I pannelli evaporativi eliminano polveri e agenti inquinanti presenti nell’aria, purificando costantemente l’ambiente.
  • Consuma solo l’energia elettrica necessaria per azionare il ventilatore e un’esigua quantità di acqua.
  • Non utilizza gas refrigeranti ma solo acqua, sfruttando il principio naturale dell’evaporazione.
  • Ideale per impianti produttivi e industriali, anche su grandi superfici e per ambienti con porte e finestre aperte.
  • Gestione parzializzata o differenziata per un raffrescamento localizzato di diverse zone o di singoli macchinari.
  • Miglioramento dell’igiene dell’aria e del comfort ambientale, con effetti positivi sulla produttività e sulla sicurezza del lavoro.
  • Costi di acquisto, installazione e di gestione estremamente bassi.

CLIMATIZZATORI

  • Ricircolo continuo della stessa aria, viziata, povera di ossigeno e ricca di agenti inquinanti.
  • Deve essere utilizzato solamente con porte e finestre chiuse.
  • Se i filtri non vengono puliti, polveri e scorie che si accumulano al loro interno vengono rimesse continuamente in circolazione.
  • Consuma elevate quantità di energia e necessita di certificazioni per l’installazione.
  • Per raffreddare o riscaldare utilizza gas tossici per l’ambiente e dannosi per l’ozono.
  • Costoso e inefficace nei grandi ambienti; inefficace se c’è uno scambio d’aria con l’esterno.
  • Non utilizzabile per la climatizzazione localizzata di singole aree o di singoli macchinari.
  • Il ricircolo continuo della stessa aria, la presenza di sporco all’interno dei filtri, l’elevato scarto termico e l’eccessiva deumidificazione, rendono gli ambienti climatizzati poco igienici.
  • Elevati costi di acquisto, di installazione, di gestione e di manutenzione.

Quello del caldo afoso è un problema ricorrente per tutti quegli ambienti industriali e produttivi dove risulta impossibile o economicamente poco vantaggioso installare un impianto di condizionamento tradizionale. Soprattutto nella stagione più calda infatti, l’elevata temperatura che viene a crearsi negli ambienti di lavoro crea un microclima insopportabile sia per i macchinari che per gli operatori, influenzando in maniera negativa la produttività e la sicurezza sul lavoro. I tradizionali impianti di condizionamento sono poco adattii per trattare grandi volumi d’aria, per l’impossibilità di tenere porte e finestre chiuse, ma anche per i costi elevati di installazione, funzionamento, esercizio e gestione. I condizionatori e i climatizzatori classici utilizzano, inoltre, gas refrigeranti tossici per l’atmosfera, oltre ad essere altamente energivori e dispendiosi.

RAFFRESCATORI EVAPORATIVI

  • Immette aria esterna e ricambia d’aria degli ambienti fino a 25 volte in un’ora, arricchendola di ossigeno.
  • Può funzionare con porte e finestre aperte, e può essere utilizzato anche all’esterno.
  • I pannelli evaporativi eliminano polveri e agenti inquinanti presenti nell’aria, purificando costantemente l’ambiente.
  • Consuma solo l’energia elettrica necessaria per azionare il ventilatore e un’esigua quantità di acqua.
  • Non utilizza gas refrigeranti ma solo acqua, sfruttando il principio naturale dell’evaporazione.
  • Ideale per impianti produttivi e industriali, anche su grandi superfici e per ambienti con porte e finestre aperte.
  • Gestione parzializzata o differenziata per un raffrescamento localizzato di diverse zone o di singoli macchinari.
  • Miglioramento dell’igiene dell’aria e del comfort ambientale, con effetti positivi sulla produttività e sulla sicurezza del lavoro.
  • Costi di acquisto, installazione e di gestione estremamente bassi.

CLIMATIZZATORI

  • Ricircolo continuo della stessa aria, viziata, povera di ossigeno e ricca di agenti inquinanti.
  • Deve essere utilizzato solamente con porte e finestre chiuse.
  • Se i filtri non vengono puliti, polveri e scorie che si accumulano al loro interno vengono rimesse continuamente in circolazione.
  • Consuma elevate quantità di energia e necessita di certificazioni per l’installazione.
  • Per raffreddare o riscaldare utilizza gas tossici per l’ambiente e dannosi per l’ozono.
  • Costoso e inefficace nei grandi ambienti; inefficace se c’è uno scambio d’aria con l’esterno.
  • Non utilizzabile per la climatizzazione localizzata di singole aree o di singoli macchinari.
  • Il ricircolo continuo della stessa aria, la presenza di sporco all’interno dei filtri, l’elevato scarto termico e l’eccessiva deumidificazione, rendono gli ambienti climatizzati poco igienici.
  • Elevati costi di acquisto, di installazione, di gestione e di manutenzione.

CCX
Unità mobile ad uso professionale

DCP
Unità mobile ad uso industriale

MH3
Unità fissa ad uso industriale

MEC
Unità fissa ad uso industriale

Celdek
Pannelli di raffreddamento

CCX
Unità mobile ad uso professionale

DCP
Unità mobile ad uso industriale

MH3
Unità fissa ad uso industriale

MEC
Unità fissa ad uso industriale

Celdek
Pannelli di raffreddamento